I principali fattori che causano l’invecchiamento delle mani, sono la perdita di elasticità della pelle, l’insorgere di vene sporgenti, la mancanza di grasso sottocutaneo e collagene.

Perché ricorrere alle tecniche per il ringiovanimento delle mani

L’avanzare dell’età comporta perdita di elasticità e aumento delle macchie senili così come la perdita di tonicità e l’involuzione del tessuto adiposo rendendo le vene più visibili. Tutto questo dona alle mani un aspetto sciupato, invecchiato e fortemente antiestetico. E’ inutile mantenere giovani il nostro viso, collo con ritocchini non invasivi ma efficaci, se poi si hanno mani grinzose con vene sporgenti e macchie senili.

Qual è il trattamento migliore per il ringiovanimento delle mani

Esistono diverse procedure, sia invasive che non, per aiutare le nostre mani a riprendere un aspetto giovane e più tonico:

  • Lipofilling

Uso del grasso autologo ricco di cellule staminali che ha in genere lunga durata con effetto riempitivo e di biostimolazione delle cellule produttrici di collagene ed elastina

Ci permette di dare volume con un ottimo risultato immediato

Stimolazione a lungo termine e riattivazione cellulare con produzione di nuova matrice extracellulare

  • Laser Q-switchato 

E’ la soluzione ottimale per le macchie senili e iperpigmentate causate da una eccessiva esposizione al sole in età giovanile e dal normale invecchiamento cutaneo.

La Carbossiterapia, se si è costanti, permette di ottenere ottimi risultati di biostimolazione. E’ una terapia sicura e priva di tossicità che consiste nella somministrazione di anidride carbonica per via sottocutanea o intradermica mediante microiniezioni localizzate in alcuni punti (massimo tre) delle mani con aghi molto piccoli. L’anidride carbonica produce degli effetti sulla cute grazie al riarrangiamento delle fibre collagene con aumento dello spessore del derma. Questo si traduce in una miglior texture e compattezza cutanea, rendendola più luminosa, liscia e tonica.

CONTATTACI