Skip to toolbar

Una nuova frontiera per la medicina estetica: i fili di sospensione per un lifting non chirurgico

Una nuova frontiera per la medicina estetica: i fili di sospensione per un lifting non chirurgico

I fili di sospensione: una nuova frontiera per la medicina estetica

Ormai conosciuti come fili di sospensione per un lifting non chirurgico. Stiamo, infatti, parlando dei fili di trazione riassorbibili che permettono di ottenere un ringiovanimento del viso attraverso procedure meno invasive, di semplice attuazione e con un recupero veloce per la paziente.  Secondo il Dr. Nicola Standoli, chirurgo plastico ed estetico della Clinica Valle Giulia, “l’impiego dei fili, aiuta a risostenere la cute del viso, permettono un rimodellamento ancorché leggero” quindi un riposizionamento dei tessuti del viso, andati incontro ad un cedimento strutturale per la progressiva perdita di collagene e la diminuzione fisiologica dell’azione delle cellule dette fibroblasti adibite alla produzione dello stesso e di altre sostanze che compongono la matrice extracellulare, in gergo possiamo dire di quelle sostanze che rappresentano la “impalcatura” della nostra pelle (v. anche il parere del Dr. Nicola Standoli nelle news I fili FTC Lift per un lifting non chirurgico: risultati certi e indolore ).

Al convegno di qualche mese fa, il “World experts meeting Barcellona 2015” sui fili di trazione riassorbibili – dove tra i partecipanti era presente anche il Dott. Andrea Edoardo Zampieri,  insieme ai massimi esperti provenienti da più di 52 paesi tra cui Giappone, Corea e Australia – è risultato che questo presidio medico oltre all’effetto immediato di riposizionare i tessuti, ha anche l’effetto di bio stimolare il tessuto sottocutaneo a favore della produzione di collagene in modo da ripristinare la struttura microscopica fisiologicamente perduta negli anni. Sono stati, infatti, definiti la nuova frontiera della medicina estetica.

A rispondere alle domande su questo trattamento, che ci sono pervenute sulla nostra rubrica “Fai la tua domanda”,  è il Dott. Andrea Edoardo Zampieri, specialista in chirurgia plastica estetica e ricostruttiva, assistente agli interventi e ai trattamenti di medicina estetica del Dott. Nicola Standoli.

Di cosa sono fatti i fili di sospensione?

I fili di trazione sono composti in PDO (polidiossanone), materiale che viene completamente riassorbito dopo aver stimolato la proliferazione dei fibroblasti ormai “addormentati” e quindi la successiva produzione di collagene da parte degli stessi

Come vengono inseriti i fili di sospensione?

A seconda delle caratteristiche anatomiche della paziente, il chirurgo andrà a valutare quali siano i vettori corretti di trazione per riposizionare i tessuti lassi del volto per andare a restituire un aspetto più riposato e più giovane. Vengono inseriti mediate una piccolissima incisione effettuata mediante un ago, che non necessita successivamente di nessun punto di sutura.

Con questi fili si riesce a ottenere lo stesso risultato di un lifting chirurgico?

No. Il risultato dei fili di trazione non è paragonabile a quello di un lifting chirurgico nel quale la cute in eccesso è resecata. Questo lifting mininvasivo e non-chirurgico, ci permette un riposizionamento importante dei tessuti più lassi, ma la differenza rispetto al lifting chirurgico è che questa metodica nel tempo è accompagnata da una continua biostimolazione cellulare del derma profondo, garantendo un miglioramento della texture cutanea nei mesi successivi all’impianto.

Il trattamento è eseguito in ambulatorio?

Si, il trattamento viene eseguito in ambulatorio e prevede un primo controllo dopo 48 ore.

Qual è il tempo previsto per l’inserimento dei fili?

La procedura richiede all’incirca 20 minuti.

 Una volta introdotti, il loro effetto quanto dura?

L’effetto lifting è immediato e perdura circa 8-12 mesi e con il passare del tempo al progressivo riassorbimento dei fili segue una importante bio stimolazione profonda che permette di mantenere il risultato.

Dopo il trattamento si può tornare tranquillamente alla vita di tutti i giorni?

Dopo 48 ore si.  È normale poter avere un pò di gonfiore nell’immediato. È importante non infastidire la zona trattata nell’immediato per non inficiare il risultato mediante lo spostamento dei fili, dovuto a manovre brusche come lavare il viso energicamente ecc…

 Qual è l’età giusta per consigliare questo trattamento?

Diciamo che non si ha un’età in cui il trattamento è consigliato. Può essere eseguito ogni volta ci sia necessità di riposizionare i tessuti molli del viso, del collo, ma anche delle braccia, delle gambe, dell’addome e dei glutei.

Oltre al viso dove possono essere applicati I fili di sospensioni?

Come le dicevo possono essere utilizzati anche nel body-contouring quindi a livello delle braccia, dell’addome, delle gambe e dei glutei.

Quali sono i vantaggi dei fili di sospensione rispetto al lifting chirurgico?

Il vantaggio principale è la semplicità, la rapidità di esecuzione e il pronto ritorno a una vita di tutti i giorni. Il lifting chirurgico è un intervento di chirurgia maggiore che prevede almeno due ore di camera operatoria, una notte di degenza ed un recupero di circa 10-15 giorni. Il soft-lift mediante fili di trazione è una procedura ambulatoriale, di 20 minuti con una rapida guarigione e con una rapida ripresa delle relazioni sociali.