Viso spento e non più elastico? Ecco alcune soluzioni non invasive che possono aiutarti a migliorare la tua pelle

Viso spento e non più elastico? Ecco alcune soluzioni non invasive che possono aiutarti a migliorare la tua pelle

Alcune soluzioni non invasive che possono aiutarti a migliorare il tuo viso spento e non più elastico

Con l’inverno ormai alle spalle e con una luce primaverile più intensa e vivace, si accentua maggiormente il pallore o grigiore del nostro viso, che non sempre è riconducibile alla stagione ormai passata. Lineamenti poco distesi, segni d’espressione più marcati, disidratazione e secchezza diffusa: in una parola viso stanco e poco luminoso. La soluzione immediata è idratare la pelle costantemente. Ma, quando questa routine non basta più da sola a donare freschezza e tonicità al nostro viso, si potranno prendere in considerazione alcuni trattamenti estetici non invasivi in grado di ringiovanire la nostra pelle ma senza chirurgia. Scopriamo insieme alcune soluzioni nuove e sempre più efficaci, poco o per nulla invasive.

Partendo dalle rughe frontali e di espressione a livello della zona periorbitaria (cosidette zampe di gallina), tra le prime a notarsi, per distenderle e far apparire un viso più giovane e fresco, bastano poche goccine di botox , una proteina purificata che attenua la contrazione muscolare. Le “punturine” di acido ialuronico  rimangono, invece, sempre le richieste più frequenti proprio per la flessibilità nel loro impiego che va dalle rughe naso geniene, al face restoration, alle piccole rughe intorno alla commisura labiale e al vero e propio rimodellamento e ridenfinizione delle labbra in senso volumetrico e di contorno, con risultati immediati. Per uniformare il colorito della pelle, correggere e alleggerisce i segni dell’invecchiamento dovuti al tempo che passa, attenuare le rughe e le cicatrici, la soluzione più innovativa ed efficace è il laser Co2 frazionato ultrapulsato, mentre per un lifting non chirurgico da provare subito sono i fili di sospensione riassorbibili e biorivitalizzanti  che consentono un  effetto lifting immediato accompagnato da una stimolazione profonda a lungo termine e con un recupero veloce. Una pelle più luminosa, liscia e tonica può ottenersi anche con la carbossiterapia, che prevede la somministrazione di anidride carbonica per via intradermica mediante microiniezioni localizzate nelle zone interessate con aghi molto piccoli che produce degli effetti sulla cute grazie al riarrangiamento delle fibre collagene con aumento dello spessore del derma. Quest’ultima molto indicata anche per collo, decolletè e mani. Da non dimenticare poi anche il fotoringiovanimento con luce pulsata  la dermoabrasione e infine la radiofrequenza. Importantissimo da tener ben presente, è che ogni trattamento deve essere preceduto sempre da una visita con il chirurgo plastico che ci aiuterà a scegliere la soluzione più adatta e adeguata alle nostre esigenze.